I Coltivatori di Emozioni del domani

Trasmettere i valori

La nostra rete è composta da persone che vogliono trasmettere la loro passione per la terra e il loro amore per un mestiere nobile come l’agricoltore, il quale permette alle tradizioni italiane di un tempo di rinascere e di farsi conoscere in tutto il territorio.

Promotori di un’idea di agricoltura che abbraccia e preserva la tradizione ma che mira a un futuro di innovazione, abbiamo colto con entusiasmo l’opportunità di trasmettere questi valori attraverso un progetto che unisce noi Coltivatori di Emozioni e la scuola.

Il progetto

Lo scorso ottobre abbiamo infatti partecipato al progetto di potenziamento dell’alternanza scuola – lavoro insieme all’Istituto d’istruzione superiore Copertino.

Il progetto accresce le possibilità formative e professionali dei giovani, fornendo gli strumenti e le conoscenze adatte per rendere i ragazzi pronti al mondo del lavoro in un’ottica di rivalutazione territoriale e agricola.

Avvalendoci del ruolo di educatori e fornendo il nostro esempio come case history, abbiamo raccontato a una classe piena di giovani ragazzi quello in cui crediamo e i valori che promuoviamo: il recupero della tradizione, la valorizzazione del territorio e la creazione di una rete che condivide degli obiettivi comuni di sviluppo sostenibile del patrimonio agricolo italiano.

Insegnamenti

Gli studenti hanno poi rielaborato le conoscenze apprese e le hanno messe in atto, dando sfogo alla fantasia e creando tramite un lavoro di gruppo un progetto di marketing territoriale e sharing economy.

Sono poi volati fino a Bruxelles, concludendo l’esperienza con la presentazione del modello di start up a vocazione ‘green’ alla Camera di Commercio Europea.

Siamo orgogliosi del lavoro che hanno portato a termine, consci che attraverso l’educazione possiamo formare coloro che si prenderanno cura della terra di domani, preservando i nostri valori come lo stiamo facendo noi ora.

Martina Ciabatti

Coltivatori di Emozioni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *