Coltiviamo emozioni
Ti presento: | Angelo e Marcello SAIL Farm

Ti presento: | Angelo e Marcello SAIL Farm

Ti presento: Angelo e Marcello | SAIL Farm

“SAIL è l’acronimo di Società agricola innovativa leccese ma siamo anche grandi appassionati di mare e vela e, come intenzione per il futuro, il verbo veleggiare ci piace molto”, afferma Angelo ricercatore del CNR e comproprietario di SAIL Farm.“ “Il pay off invece nasce dal suggerimento del correttore automatico: volevamo scrivere “ortaggi leccesi”- commenta Marcello agronomo e AD di SAIL – ma l’opzione ci ha suggerito eccelsi – anche l’anagramma di leccesi – e così l’abbiamo lasciato.” 

Nel 2016 la regione Puglia ha finanziato alcuni progetti per il recupero e valorizzazione delle biodiversità orticole e frutticole locali a cui Marcello e Angelo hanno preso parte come tecnici del settore. Da qui sono state sviluppate una banca del germoplasma locale e una banca dati che riporta le caratteristiche agronomiche, nutrizionali e molecolari a disposizione di tutti quelli che ne fanno richiesta. 

“Sulla scia di queste innovazioni abbiamo avuto l’idea di creare SAIL: coltivare un prodotto di qualità, cercando di trasformarlo subito dopo la raccolta, utilizzando esclusivamente prodotti coltivati in loco. Abbiamo quindi puntato sulle specie coltivate, come rapa, peperone, pomodoro, melanzana e cicoria ma anche su quelle selvatiche, meno conosciute, che forniscono alimenti di grande qualità: il cardo selvatico, il lampascione, il papavero. Piccole produzioni di elevato valore anche culturale e storico, perché tante di queste erbe sono tipiche dei nostri terreni e raccolte da sempre dai nostri contadini.” L’obiettivo di SAIL Farm è promuovere la tradizione unita all’innovazione, operando così per limitare l’erosione genetica e valorizzare le produzioni locali. Da un lato recuperando le varietà autoctone di ortaggi, dall’altro facendo crescere le specie spontanee in terreni sicuri e controllati dal punto di vista ambientale.

SAIL lavora con alcuni agricoltori locali detti “custodi” che portano avanti la conservazione delle specie autoctone e collabora con un vivaio per la moltiplicazione delle piante e per lo studio della genetica e della biodiversità delle specie locali così che quando si individuano delle caratteristiche positive nelle piante analizzate, queste vengono moltiplicate e messe a disposizione di tanti altri agricoltori per tramandare e salvaguardare le specie.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This will close in 0 seconds

Accedi

This will close in 0 seconds

This will close in 0 seconds

Accedi a Coltivatori di Emozioni


This will close in 0 seconds


    This will close in 0 seconds

    ItalianEnglish
    0
      0
      Carrello Adozioni
      Carrello vuoto!Ritorna a navigare
        Apply Coupon